La tessera Arci cambia. Una piccola grande rivoluzione per l’associazione e per chi si associa

La tessera Arci cambia. Una piccola grande rivoluzione per l’associazione e per chi si associa

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+Pin on PinterestEmail to someonePrint this page

 

 

Sarà valida dal primo ottobre al 30 settembre e non seguirà più l’anno solare.

Una piccola grande rivoluzione per la più grande associazione culturale italiana e per chi si associa.

Da quest’anno cambia la validità della tessera. L’adesione all’Arci varrà dal primo ottobre al 30 settembre e non seguirà più l’anno solare, allineandosi così all’avvio delle attività sociali e culturali delle quasi 5000 basi associative, che coincide spesso con l’inizio dell’autunno.

Questo cambiamento per circoli e socie e soci, vecchi e nuovi, è un passaggio importante e interessante per un’associazione che nel 2017 compie 60 anni e che è stata in grado in tutto questo tempo, attraverso la sua miscela di divertimento e impegno, di interpretare e agire sui cambiamenti della società italiana, rinnovandosi, aprendosi alle nuove generazioni e proponendo il suo punto di vista sulla promozione della cultura, della partecipazione, della socialità.

È una novità che giunge non solo in prossimità del nostro sessantesimo anniversario ma si inserisce in un quadro che vede l’associazione impegnata per sviluppare ulteriormente la propria proposta di socialità e cultura, facendola conoscere a chi ancora non l’ha incontrata. Da un lato consolidando e ampliando, attraverso la tessera,le possibilità di fruizione di attività, servizi e promozioni e sostenendo il lavoro dei gruppi dirigenti locali per promuovere la partecipazione di socie e soci ai circoli. Dall’altro mettendo in campo iniziative specifiche per favorire la nascita di nuovo associazionismo, come le agevolazioni previste per quei gruppi che vogliano creare un’associazione o un circolo in territori e luoghi in cui la presenza dell’Arci non è ancora diffusa o per quelle realtà associative i cui organi direttivi siano composti in prevalenza da donne o persone under 35. Con questo stesso obiettivo l’associazione ha lanciato il Bando di concorso per progetti e idee innovative per lo sviluppo associativo della rete Arci, che prevede l’opportunità di accesso agevolato al microcredito (c’è tempo fino il 10 ottobre e tutte le informazioni si trovano sul sito www.arci.it).

Per l’Arci il 2016 si chiude con numeri confortanti: 1.075.000 soci, 108comitati territoriali, 19 comitati regionali, 4.723 circoli distribuiti su tutto il territorio nazionale. Dati che dicono come dell’Arci ci sia bisogno e che testimoniano efficacia e attualità del nostro multiforme e plurale associazionismo, fondato su un principio evidentemente ancora valido e che abbiamo voluto ribadire anche sulla tessera 2016/2017: da sessant’anni sempre aperti.

GALLERIA