Menu
CALENDARIO ARCI SOLIDARIETA'CIRCOLICOMITATOCULTURAFESTIVAL RESISTENTEFORMAZIONEIMMIGRAZIONEINFANZIAINIZIATIVE INTERNAZIONALILA RETE DEI PAASLIBERALINK UTILIPARCO DI PIETRASERVIZIO CIVILESOCIALETURISMO












BUON COMPLEANNO KHORAKHANE'


Il Khorakhane', per gli amici il "circolino", compie 4 anni.

Lo inaugurammo infatti il 27 aprile del 2002, in piena epoca antichian berlusconiana. Erano tempi in cui la citta' festeggiava i suoi trionfi neorinascimentali a suon di butteri e di Margherite Aldobrandeschi, felicemente proiettata nell'eta' dell'oro grazie all'uomo dal grande cappello, epigono tra i piu' autorevoli dell'uomo dal grande tupe'.
Il vento della destra fischiava assai piu' forte di quello, amato, dei nostri canti, e la grande bufera urlava a piu' non posso, sommergendoci di parole, di concetti, di "valori" per noi, semplicemente "inascoltabili".
Fu un atto eroico o, piu' probabile, un gesto di follia a far scoccare la scintilla. Un gruppo di ragazzi (i mitici obiettori del 2001-2002), un'associazione che trasse intima forza dalla sua stessa crisi, il consenso di alcune persone care che colsero la portata dell'iniziativa e cosi' nacque il Khorakhane', quell'improbabile luogo con quell'improbabile nome scaturito una sera a cena al DLF dalla mente immaginifica (e intelligente) dei mitici obiettori di cui sopra.

Forse fu un rifugio, l'assoluto bisogno di quattro mura calde e sicure dove ritrovarsi, tra simili, riascoltando parole "ascoltabili" che non ci ferivano le orecchie e la coscienza. Da una parte un rifugio antiatomico, certo, dove scappare dal tronfio mondo circostante, ma dall'altro – era gia' chiaro in ognuno di noi, anche se detto magari a mezza voce - una "gramsciana" casamatta da dove provare a insinuarsi e riconquistare una citta' e una societa' anche e soprattutto nostre.
Solo l'anno prima l'uomo dal grande cappello aveva trionfato al primo turno spopolando al 58% dei suffragi.

E quello dal grande tupe' aveva riconquistato a mani basse il governo del paese. La sinistra pareva in rotta, come un esercito frastornato dopo la sconfitta piu' grave.
Fuga e ribellione furono dunque certo gli ingredienti di fondo del concepimento e della nascita del circolino.

Certo, e' funzione propria dell'ARCI far nascere nuovi circoli. Ma il Khorakhane' e' tutta un'altra storia.
Non e' solo l'ennesima bandierina, una nuova affiliazione.
Sara' presuntuoso dirlo, da parte di chi ha partecipato a quest'avventura, ma il Khorakhane' altro non če'che un pezzetto di Grosseto che si affranca, in quel preciso momento, dal beotismo imperante dei vincenti e dal silenzio frustrato dei perdenti. Ovviamente senza esclusiva. Ma con una marcia in piu', che e' la marcia propria dell'associazionismo, del comune sentire e del comune agire di tante singole donne e di tanti singoli uomini, in particolare giovani, che sanno dire No ma che non si limitano solo a saper dire No.

Sono stati quattro anni complicati e ricchi. Di problemi innanzitutto. Ma anche di enormi soddisfazioni. Abbiamo fatto una marea di errori, ma siamo anche cresciuti. Siamo un po' meno bunker antiatomico e forse anche un po' meno casamatta, giacche' il "regime" comincia a scricchiolare e forse possiamo addirittura ambire a svolgere il nostro ruolo in maniera meno "eroica", confidando in quella normalita' tipica delle societa' civili.

Siamo consapevoli dei limiti di questa nostra avventura, ma anche della sua enorme ricchezza, dimostrata non solo dai tanti nemici (e in questo caso il detto "tanti nemici tanto onore" non guasta proprio) ma anche e soprattutto dal fatto che in tantissimi oggi sentono il circolino come qualcosa di proprio, come un pezzo del proprio quotidiano, come un angolo vivibile da cui provare a ripercorrere le vie di una citta' liberata, a due passi dalle quattro strade della Kansas City di bianciardiana memoria…

Festeggiare un anniversario e' fare il punto e ripartire. Abbiamo davanti tanta strada e, per quanto oggi piu' rilassati di qualche giorno fa, non mancano i pericoli e occorre dunque che ognuno faccia la sua parte. Certo il Khorakhane' la fara', a suo modo in prima fila, forte della sua giovane storia che e' pero' storia antica, di lotta, di emancipazione. Miglioriamo dove dobbiamo migliorare e andiamo avanti, come sempre.


Marco Giuliani
Presidente Circolo ARCI Khorakhane'
Grosseto, 27 aprile 2006

Aggiornato 28/04/2006 @ 12 00 | CIRCOLI


Commenti disabilitati.
 
Cerca