Menu
CALENDARIO ARCI SOLIDARIETA'CIRCOLICOMITATOCULTURAFESTIVAL RESISTENTEFORMAZIONEIMMIGRAZIONEINFANZIAINIZIATIVE INTERNAZIONALILA RETE DEI PAASLIBERALINK UTILIPARCO DI PIETRASERVIZIO CIVILESOCIALETURISMO












AL PARCO DI PIETRA SI PARLA DI IMMIGRAZIONE

Giornata dedicata all’immigrazione al Parco di Pietra di Roselle (Grosseto). Mercoledì 8 agosto Arci Primo Passo e Teatro Studio, si uniscono in una serata dedicata ai temi dell’immigrazione realizzata con il patrocinio del Cesvot.

Ad aprire, alle ore 19 è “Medea”, l’opera di Euripide che è forse la più nota tra le vicende del mito antico legata alla figura dell’altro e dello straniero. Lo spettacolo del Teatro Studio non dà una rilettura del mito, ma permette agli spettatori una interpretazione soggettiva, attraverso stimoli visuali, verbali e sonori. Il lavoro segue la struttura drammaturgica della tragedia di Euripide su cui si innestano testi di Valerio Flacco (Argonauticon Libri), testi ispirati ai lavori di Krista Wolf e la visione sociale di Pier Paolo Pasolini.
Con le musiche originali di Paolo Sturmann e la regia di Mario Fraschetti, lo spettacolo vede in scena Daniela Marretti, Luca Pierini, Enrica Pistolesi, Silvia Schiavoni, Mirio Tozzini, Michela Pii.

Subito dopo, intorno alle 20.30 invece incontro con Cristina Totti, presidente Primo Passo, Simone Ferretti, assessore alla Cooperazione del Comune di Grosseto, Assane Kebe, vice presidente Consiglio degli stranieri del Comune di Firenze.

L’incontro di presentazione del progetto “La costituzione tradotta” che Arci Nazionale sta realizzando per offrire ai cittadini extracomunitari un importante strumento di integrazione, sarà anche l’occasione per rilanciare quello che è emerso al Meeting Antirazzista che si è concluso pochi giorni fa a Cecina. Oltre al progetto che riguarda la traduzione della nostra costituzione come base per un nuovo patto di cittadinanza, dal meeting è stato lanciato un appello alle Amministrazioni locali per l’approvazione di un patto per la coesione sociale e l’inclusione attraverso il quale dichiararsi Città Aperte ribadendo alcuni principi irrinunciabili per la costruzione di modelli di convivenza non fondati sulla esclusione e la subordinazione di individui e comunità che nelle nostre città hanno radicato le loro speranze di una vita migliore.

Info: Arci 0564-417751

Aggiornato 07/08/2007 @ 12 00 | PARCO DI PIETRA


Commenti disabilitati.
 
Cerca