Menu
CALENDARIO ARCI SOLIDARIETA'CIRCOLICOMITATOCULTURAFESTIVAL RESISTENTEFORMAZIONEIMMIGRAZIONEINFANZIAINIZIATIVE INTERNAZIONALILA RETE DEI PAASLIBERALINK UTILIPARCO DI PIETRASERVIZIO CIVILESOCIALETURISMO












AL KHORAKHANE' SI STUDIA ARCHITETTURA

Si chiama ''L'Architettura del secondo Novecento, presenze in Maremma'', il nuovo Circolo di Studio ideato e promosso dal Circolo Arci Khorakhane' di via Ugo Bassi 62. Lo studio, che durera' fino a marzo, e' finanziato dalla Provincia di Grosseto.
Le tematiche riguarderanno l'architettura moderna di Grosseto degli anni 50-60, mettendo in risalto l'evoluzione architettonica del nostro territorio nell'ultimo mezzo secolo. Evoluzione che ha avuto inizio proprio in Toscana, dalla facolta' di Architettura dell'Universita' di Firenze, l'ateneo in cui si indirizzarono molti studenti grossetani tra la fine degli anni '60 e l’inizio degli anni '80. Questi studenti proprio a Firenze iniziarono a conoscere le nuove tendenze di cambiamento all'interno della stessa disciplina. Vennero a contatto con grandi maestri che insegnavano nella facolta' di Architettura e spesso fraternizzarono con giovani assistenti universitari futuri protagonisti del cambiamento. Dalle testimonianze degli architetti grossetani che vissero quegli anni emerge lo sconcerto per il declino di figure tradizionali come Le Corbusier, Mies, Aalto e Wright contrapposto al fascino crescente esercitato dagli architetti Radical (una delle principali correnti di contestazione architettonica) e da tutti i movimenti controcorrente del periodo. Quegli studenti portarono poi a Grosseto quanto avevano appreso trasferendo le conoscenze nella pratica professionale.
L'obiettivo dello studio e' acquisire nuove conoscenze relative alla struttura architettonica del territorio, dagli edifici, ai decori, ai colori usati per le facciate, per maturare una capacita' di interpretazione dell'urbanistica cittadina.
Durante il corso, sostenuto dal prof. Giancarlo Lunghini, verranno somministrate ai partecipanti lezioni frontali e interattive e si basera' sull’uso di tecnologie informatiche e multimediali con proiezione di immagini, testi e mappe concettuali.

Aggiornato 31/01/2006 @ 11 00 | CIRCOLI


Commenti disabilitati.
 
Cerca